Calde ragazze russe per Mario e i suoi colleghi

Mi chiamo Mario e faccio l’idraulico per una grande ditta su scala nazionale. Da tempo la mia compagnia stava cercando di espandersi sui mercati dell’est Europa, cercando di raggiungere anche la Russia. Inizialmente avevamo cominciato a vendere i nostri attuatori ad alcune ditte italiane che operavano nei dintorni di Mosca. Il prodotto aveva subito ottenuto importanti riscontri e le mail e le richieste di informazione dall’ex-paese sovietico cominciavano a fioccare.
Siccome io ero il capo installatore con maggiore anzianità fui presto incaricato di formare un team di circa cinque-sei persone, deputato a supervisionare alle operazioni e ad effettuare il primo collaudo. Misi così su una bella squadra, c’erano tutti i ragazzi più giovani che avevo formato direttamente io sul campo. C’era Marco, un campione nella risoluzione dei problemi. Antonio, un moretto minuto che si intrufolava in ogni pertugio. Poi c’era Bastianich, il biondo croato forte come una montagna, che non si tirava mai indietro. Infine c’erano Mattia e Giacomo, due fratelli che avevo fatto entrare direttamente io in ditta e che erano praticamente diventati le mie due spalle. Continue reading

Sesso con la milf

La signora Salani, da tutti conosciuta come Mimma, aveva lavorato tutta la vita nella bottega di alimentari di famiglia. Da sola aveva trasformato il negozio in una mini gastronomia, imparato a fare il pane, la pasta fresca, le verdure cotte, le polpette e le carni imbottite. Nel suo spaccio non era mai mancata la clientela e lei, nello spazio angusto fra gli scaffali, teneva un tavolo con due sedie per permettere a chi voleva di fermarsi a mangiare qualcosa. In paese era conosciuta per la sua generosità nel farcire i panini e per i suoi capezzoli duri. Se ne stava dietro il bancone ad affettare il prosciutto con la sua pelle bianca e candida – lattiginosa, e da sotto il suo camice azzurro spuntavano duri e rotondi due capezzoli perfetti, tutti da succhiare.
Rimasta vedova prematuramente all’età di quarant’anni, la sciura Salani aveva portato il lutto per un po’ di tempo, lasciandosi progressivamente andare a qualche scappatella. Nessuno in paese sapeva di preciso con chi se la facesse “dev’essere uno di fuori…” diceva ogni tanto qualcuno al bar. Ma quando la Mimma passava una notte brava le donnette del quartiere se ne accorgevano subito. Le veniva il seno ancor più gonfio e prosperoso ed uno strano rossore, a chiazze, le invadeva tutto il girocollo e le spalle. Continue reading

Puttan tour

Andrea ed i ragazzi della chiesina avevano da poco compiuto diciotto anni. A quell’età la libertà aveva il nome di un’automobile ereditata dal papi, nella quale infilarsi stretti stretti in cinque o sei ed andare. Andare a correre per le strade di campagna fumando sigarette e gridando forte il nome delle compagne di classe più bone, su cui tutti avevano fantasticato più d’una volta. Tutti era grandi e vaccinati, ma piuttosto che bellimbusti, erano un po’ bamboccioni, timidi nell’approccio con le ragazze, che preferivano rivolgere le loro attenzioni verso quelli più grandi. Così Andrea, Alfio, il Gino, Patrizio e Micael per lo più fantasticavano di scopate possibili, o ripensavano sbavando alle loro esigue esperienze personali. Si passavano sui pc giga e giga di filmetti porno, che conservavano su un server in cloud che avevano comprato insieme – facendo colletta, per non farsi sgamare dai genitori. E siccome i genitori erano a loro volta amici ed uscivano spesso insieme nel fine settimana, lo sport manuale più praticato dal gruppo di amici era ritrovarsi in chat per scambiare giuste opinioni sui nuovi upload nel server, con tanto di marker per selezionare i punti salienti di ciascun filmetto. Il primo che ‘veniva’ metteva il suo giudizio – da 1 a 5 stelle, sul nuovo filmetto appena visto, così gli altri erano informati che lui era stato il più veloce a raggiungere l’orgasmo. Continue reading

Le gemelle incestuose

Da tempo la famiglia Artimini non aveva avuto occasioni di ricongiungersi. Con le gemelle via a fare stage su stage dopo la laurea, alcuni dei vecchi allettati, la bellissima Maya in giro per il mondo per lavoro. Ma quel Natale di inizio millennio era venuto a mancare nonno Giacomo e tutti erano tornati a casa.
Le gemelle erano arrivate elemosinando i soldi per il biglietto aereo ai coinquilini, erano sempre squattrinate. I cuginetti Franco e Christian non avevano proseguito gli studi dopo i quindici anni ed adesso a vent’anni si ritrovavano proprietari di una ditta. Nell’occasione del lutto comune, per la prima volta Martina e Claudia – le gemelle, guardarono i cugini con interessato stupore. In tasca avevano i telefonini della Mela di ultimissima generazione, indossavano abiti eleganti e firmati, non si erano tirati indietro quando si era trattato di organizzare il buffet dopo la sepoltura del nonno. Insomma tutto lasciava intendere che quei due erano ormai persone pienamente adulte, forse mature in tutto e per tutto. Mentre loro due, con la testa sempre immersa in sogni e progetti, ogni mese aspettavano il bonifico da papà, che era sempre più scarno. Continue reading

Sesso e tradimenti in villaggio vacanza

Isabella si stava godendo la prima vacanza all-inclusive della sua vita. Villaggio turistico a Sharm con ogni confort e consumazioni illimitate, animazioni, gite, corsi, attività sportive. Era arrivata qui con Andrea, il suo boyfriend, ed avevano prenotato per quindici giorni. Ma non si erano dati una scadenza precisa per il ritorno, avevano lasciato il biglietto aperto. Che goduria!
Siccome le loro passioni erano divergenti, i due si ritrovavano spesso separati durante la giornata. Lui, laureato in archeologia, ma di professione bagnino, c’aveva il pallino per le antichità egizie e per la fauna selvatica. Partiva in Jeep con altri abitanti del villaggio. Lei invece alternava la tintarella a sessioni di snorkeling. Aveva fatto amicizia con Roberta, la conduttrice dei gruppi di snorkeling, una ragazzona ventenne di Roma con le sopracciglia bruciate dal sole. Continue reading